Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

"Cent'anni di Solitudine" di Gabriel Garcia Marquez

imagesAutore Gabriel Garcia Marquez

Tre aggettivi: originale, spiritoso, fantasioso.

Un classico della letteratura, ambientato in Colombia nell'immaginario villaggio di Macondo.
Lo stile è ironico e la lettura è scorrevole.
Il racconto narra delle fantasiose vicende della famiglia Buendìa e della progenie, generazione dopo generazione.
La narrazione è ricca e articolata e le vite dei Bundìa si intrecciano con quelle degli abitanti di Macondo, il villaggio immaginario che per molti aspetti rispecchia quello nativo dell'autore.
Nessuno dei personaggi del racconto riesce ad allacciare, nel corso della propria vita, rapporti di amore che siano duraturi e i continui lutti sgretolano gli equilibri precari della famiglia.
Col matrimonio di Ursula e Josè Arcadio Buendìa una comunità intera di famiglie, parte lasciandosi tutto alle spalle per andare verso l'ignoto, viaggiando imperterriti per mesi.
Durante il tragitto tutti finiranno le provviste e si nutriranno di pappagalli e serpenti. I coniugi Buendia saranno in balia del terrore all'idea di procreare un figlio che potrebbe avere forme animali perché i due sposi sono cugini.
Nel corso del viaggio nasce il piccolo Josè Arcadio perfettamente sano e di razza umana che darà il via alla nuova prolifera generazione dei Buendia i cui nomi di battesimo si ripeteranno numerosissime volte al punto che sarà indispensabile annotarli su carta.
Nasce una nuova comunità in un luogo remoto e abbandonato dove per anni non arriverà nemmeno la posta: Macondo.
Le generazioni si susseguono e Ursula diverrà centenaria e vedrà morire tutti i suoi figli e la maggior parte dei suoi nipoti. Sono proprio le storie bizzarre della sua famiglia ad accompagnare l'esistenza di Ursula che da grande matriarca cercherà di trovare un senso alla follia che la circonda. 
Marquez sembra dirci che l'uomo non raggiungerà nessun risultato con le sue azioni ma può solo lasciarsi andare alla solitudine.
Il libro è molto carino, spiritoso ma al tempo stesso capace di trasmettere significati profondi.
Leggetelo, è bello e in molti tratti trascinante e avvincente.
Il finale lascia un po' perplessi... una volta letto capirete che cosa intendo. 

Visita Leggere Lib(e)ri

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

kir 06/11/2010 15:08



NON è anbientato in Brasile, ma in COLOMBIA, patria dello scrittore!



Ariel 06/11/2010 21:41



Grazie a te ho scoperto un dettaglio che non conoscevo:il mio pensiero associativo mi ha ingannata. Forse RIO contenuto in Riohacha mi ha indotta inconsciamente ad immaginare che la vicenda si
svolgesse in Brasile.


Correggerò e mi documenterò meglio.



Su