Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

"La lista di Schindler" di Thomas Keneally

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:h7F7u9IKY_RM9M:http://img2.libreriauniversitaria.it/BIT/616/9788804436164g.jpgAutore: Thomas Keneally

Tre aggettivi: toccante, umano, profondo.


Anni 40 del novecento.
Gli ebrei di Cracovia sono spietatamente perseguitati e limitati dalle leggi razziali imposte da Hitler.
Tutte le famiglie ebree vengono trasferite nel ghetto, una parte della città in cui i tedeschi non possono entrare, dove gli spazi ristretti portano tutte le diverse famiglie a convivere in case minuscole e dove non possono curarsi con medicinali perché nella farmacia del ghetto l'unica cosa che abbonda è il cianuro.
Intanto, poco lontano dal ghetto, è in costruzione il campo di lavoro di Plaszow, ispirato allo sterminio metodico di Auschwitz ma dove ancora c'è qualche possibilità di vivere, sempre evitando d'incontrare Amon Goeth, famoso per la sua crudeltà e per la sua propensione all'omicidio di innocenti e sottomessi prigionieri ebrei.
Oskar Schindler, industriale ricco, appariscente e influente, rimane disgustato da quello che le autorità stanno permettendo quando assiste a un'Aktion nel ghetto e vede un corteo di persone in marcia per la stazione.
Il corteo sarebbe stato pigiato su un vagone per il bestiame che portava a Plaszow.
Oskar adottò tutti i pretesti possibili per tenere alla fabbrica i suoi operai ebrei spacciandoli per specializzati, ma questi appartengono pur sempre alla razza ebraica e per questo sono costretti a soggiornare al campo di concentramento.
La situazione a Plaszow peggiora giorno dopo giorno. Gradualmente. Gli anziani vengono trasportati ad Auschwitz e destinati alle camere a gas, mentre i bambini vengono sfruttati per gli atroci esperimenti medici. A chi finisce in infermeria viene somministrata la morte attraverso un'iniezione di benzina nelle vene.
Schindler propone di trasformare l'Emalia, la fabbrica bellica che conduce, in una sorta di succursale del campo di Plaszow. Diverrà un subcampo in cui gli ebrei vengono trattati come esseri umani e assumono circa duemila calorie al giorno, il doppio di quanto ricevevano a Plaszow.
Schindler fa discorsi incoraggianti e promesse, che nel corso del tempo manterrà.
Il romanzo di Keneally è una ricostruzione che lo scrittore ha redatto con l'aiuto degli Schindlerjuden (Ebrei di Schindler), che hanno condiviso le loro testimonianze.
Schindler ha dovuto esercitare la sua influenza sugli officiali SS corrompendoli con brillanti, liquori e pietanze che nel periodo di guerra risultavano introvabili e condividendo con loro le sue amanti.
Oskar allungava mance ad Amon Goeth perché avesse la mano leggera con i prigionieri e smettesse di sparare al primo detenuto che vedeva passare.
Oskar aveva inoltre lasciato ai prigionieri una scorta di stoffa e un bottiglia di vodka per dar loro la possibilità di vestire da civili dopo la fine della guerra e di barattare l'alcol con cibo o denaro.
Schindler è un eroe che, come recensito da "Epoca", ha venduto la sua anima al diavolo per salvare mille e più prigionieri ebrei.
 Steve Spielberg, regista del film "Schindler's List2 afferma:2Tanto più tragica è la storia universale, tantopiù l'arte deve documentarla.
 Per concludere cito una frase importante presente sulla copertine del libro e che credo debba trasmettere un insegnamento: "Chi salva anche una sola vita, salva il mondo intero" - versetto tratto dal Talmud.

Visita Leggere Lib(e)ri

Su